info@amiciziamissionaria.it
www.amiciziamissionaria.it
Essenza di Lavanda pro missioni
tel:+39 010.912.66.51
fax:+39 010.913.45.05
 
Santuario Arenzano >>
i missionari >>
la rivista >>
deducibilità e 5xmille >>
donazioni >>
volontari in missione >>
mostra missionaria >>
e-shop >>
 
   
Scrivici un'e-mail
Vai alla home page
L'ordine dei Carmelitani Scalzi

L'Ordine dalla storia più lunga...
Intorno al  1200, in Terra Santa alcuni cavalieri europei scelgono di ritirarsi sul Monte Carmelo e vivere nella solitudine e nel raccoglimento una vita di preghiera come già aveva fatto il profeta Elia: sono i Fratelli della Beata Vergine del Monte Carmelo. La riconquista mussulmana della Palestina, spinge i Carmelitani in Occidente, dove seguirono le grandi linee di vita dei nuovi Ordini mendicanti.


Oggi la spiritualità caratteristica dell’Ordine porta lo slancio e l’impronta dei suoi grandi santi spagnoli: Teresa d’Avila e Giovanni della Croce.

Carmelitana è anche Teresa di Lisieux, che con la sua brevissima esistenza tormentata dalla tubercolosi segna comunque la modernità con le pagine di “Storia di un’anima”, il testo religioso più letto al mondo dopo la Bibbia.
In piena contemporaneità anche la filosofa ebrea Edith Stein scopre la Verità proprio leggendo S.Teresa d’Avila. Nel suo capolavoro, “Scientia Crucis”, riprende san Giovani della Croce: “A la tarde te examinaran en el amor” ("Alla sera della tua vita sarai esaminato sull’amore"). Per Edith Stein quella sera fu il martirio d’Auschwitz dove scomparve; per migliaia d’altre sue sorelle la sera è una scomparsa ancora più anonima, nel silenzio di un monastero appartato, magari in mezzo ad una città indaffarata che spesso ne ignora perfino l’esistenza. Ma resta il fatto che ancora oggi prosegua la vita del Carmelo, con la sua testimonianza, un valore che non conosce tramonto e che passa, sostanzialmente immutato, attraverso le vicende della storia.
Da questa spiritualità profondamente mistica e coraggiosamente ascetica fiorisce, fin dal XVII secolo, l’ideale missionario. Basti pensare che la prima Congregazione di Propaganda Fide (1600) fu in gran parte opera dei carmelitani teresiani, ed ebbe il notevole apporto dal grande missionario spagnolo P. Tommaso di Gesù. I primi missionari italiani si recarono in Persia (1604); in seguito fondarono a Malta, nelle Indie, in Mozambico e Madagascar, in Cina ed Estremo Oriente.